Interconnessione 4.0: benefici fiscali e incremento dell'efficienza produttiva

Interconnessione tardiva

L'interconnessione dei beni materiali 4.0 consente all'imprenditore di ottenere i benefici fiscali erogati dallo stato e ancor più importante per il futuro dell'azienda, ottenere un incremento dell'efficienza produttiva e una riduzione dei costi operativi.

Una circolare dell'Agenzia delle Entrate, in merito al ritardo sull'interconnessione, specifica che quest'ultima può intervenire anche in un anno successivo a quello di effettuazione dell'investimento e di entrata in funzione del bene, esclusivamente per la necessità di adeguare l'infrastruttura informatica necessaria all'interconnessione. In tal modo l'agevolazione non viene meno, semprechè le caratteristiche tecniche 4.0 siano presti nel bene già prima del suo primo utilizzo o messa in funzione.

Le aziende che non utilizzano i software (beni immateriali 4.0) per operare secondo le logiche 4.0, perdono i benefici fiscali previsti. È importante che il soddisfacimento di tutte le caratteristiche tecnologiche permanga per tutto il tempo in cui il soggetto beneficiario fruisce del credito d'imposta in rassegna.

Occorre guardare all'interconnessione come un'opportunità che consente all'azienda un'ottimizzazione del processo produttivo nel suo complesso, potendo analizzare nel dettaglio i costi operativi, i consumi energetici, la qualità del prodotto finale fornito e tanti altri dati.

→ Scopri il nostro pacchetto industria 4.0 per interconnettere i tuoi macchinari ed efficientare la produzione.

→ Scarica la circolare

 

 

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato sui nostri eventi e sulle news.


CONDIVIDI:      
« Notizia successiva

La Smart Manufacturing come generatore di valore aggiunto per prodotti, processi e persone

Notizia precedente »

Caricamento da remoto di part program: quando è obbligatorio

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per ricevere i nostri aggiornamenti.

Lingua